martedì 16 dicembre 2008

Alla fiera dell'Est

Ieri, domenica 14 dicembre, e' andata in onda su Lineaverde una puntata dedicata ad una pregevole iniziativa: la Fiera del Bue Grasso di Carrù.

Già da nome starete immaginando lo spasso che si andava preparando, chissà da quanti giorni, con estrema accuratezza, alè...
Il bravo presentatore ha pensato bene di dar spazio a una personaggio, si suppone uno degli organizzatori, che, per fare pubblicita' al suo "prodotto" e fare terrorismo psicologico contro l'alimentazione vegetariana si è espresso così:
"la carne è indispensabile e i bambini che non mangiano carne perdono i capelli", e ancora:
"per ottenere la stessa quantità di ferro contenuta in un etto di carne servono 5 kg di spinaci", come se il ferro nell'alimentazione vegetariana si ottenesse dagli spinaci...(si vada a leggere prego qui)

E' chiaro che questo luminare dell'alimentazione (!) cercava solo di tirare acqua al proprio mulino, ma il conduttore della trasmissione l'ha lasciato fare, senza ribattere nulla, aggiungo io, anche un po' gongolando e leccandosi i baffi.

Se vi volete togliere il sasso dalla scarpa e spiegargli che le cose non stanno propriamente così, scrivete alla redazione.
Ovviamente niente insulti, siamo personcine per bene, solo insofferenti delle volgarità, delle banalità, delle fandonie. Quindi, stringendo i denti, spieghiamo quanto una dieta a base vegetale sia più salutare di una che prevede carne a ogni pasto, e quanto irresponsabile sia da parte sua
permettere questa disinformazione.

Se volete, fate riferimento ai documenti delle Associazioni dei Nutrizionisti del Canada e degli Stati Uniti (trovate tutto anche su www.scienzavegetariana.it), per non parlare tutti gli altri studi a nostra disposizione (ancora sul sito di cui sopra) circa incidenza di tumori, cardiopatie, alzheimer, parkinson, obesità. etc.

A volte penso che esista davvero anche tra noi una sorta di selezione naturale....Ma non voglio aggiungere altro, chi mi capisce mi capisce.

2 commenti:

Claudio ha detto...

Lo dico sempre: "Il problema non è Adolf Hitler: il problema è tuo zio".
I veri nemici da combattere sono i tanti "tu' zio" del mondo che fortificano gli Adolf Hitler per mezzo della peggiore arma di distruzione di massa mai creata: la tradizione.
E' per tradizione che i buoi vengono massacrati ed eposti come cimeli gastronomici di un passato sempre vivo a fiere sconfortanti come quella.
Guardatevi, guardiamoci dall'uomo comune. Boicotta tu' zio.

Ariel ha detto...

come non concordare con Claudio
tu' zio
mi'nonna
mi cognato
tu padre

e tutti appecoronati, sia mai si venga tacciati come rivoluzionari (basta un nulla) o eccentrici o svalvolati
o guastafeste, come nel caso di questa bella festa paesana