domenica 28 agosto 2011

Death by protein

Anni fa lessi un romanzo di Achille Campanile, mai abbastanza popolare scrittore umoristico del secolo scorso, in cui si svolgeva una surreale e spassosissima scena la cui location erano le corsie di un ospedale. Suorine infermiere si affacendavano avanti e indietro per i corridoi cercando di ricordare quali fossero le due P che i medici avevano prescritto ai pazienti ricoverati. Qualcuno proponeva Pasta e Peperoni, e giù a portare teglie di siffatti alimenti  senza risultato apprezzabile alcuno sulla salute dei pazienti. Oppure, Pere e Pistacchi, Pasticcio e Patate, e così via. Finchè un illuminato, dopo che i ricoverati si erano rimpinzati di ogni ben di dio e delle più strampalate accoppiate di cibi, ricorda qual era il diktat dei medici da seguire per ripristinare la salute negli ammalati: Peace & Protein, tranquillità e tante proteine. Se solo ricordassi quale fosse il titolo di questo romanzo... risate assicurate in solitaria sotto l'ombrellone o, peggio, sull'autobus o in metropolitana.

Lo lessi d'altronde in tempi non sospetti. Ora la storia delle proteine mi solletica il sorriso ancor più di prima.
Come sa bene la mia deliziosa amica e compagna di quotidianità lavorativa, Francesca, novella vegan, una delle immagini che più spesso invoco - in risposta agli sguardi e alle istanze perplesse di chi ci dipinge come moriture in seguito alla nostra alimentazione plant-based - è quella di famigerati sotterranei dei nostrani ospedali ove sarebbero ricoverati, nella privacy più assoluta, fantomatici pazienti in carenza di proteine, gente che ha osato mangiare vegan per qualche tempo e che si è ritrovata con una flebo e pesanti infiltrazioni intra-cute di proteine salvavita.

Un'immagine che non manca ogni volta di farci ridere a crepapelle, dal momento che ben sappiamo che sono i reparti alti, non quelli sotterranei, ad essere stracolmi di ammalati a causa di un'alimentazione troppo ricca in proteine animali, grassi, etc. Le cosiddette malattie del progresso, di cui prima soffrivano solo i nobili, i ricchi, che di carni animali si sono sempre abboffati in quantità.
Perfino i crudisti (chi mangia solo cibi crudi e dunque non ingerisce legumi, notoriamente ricchi di proteine vegetali, se non in forma di germogli) non rilevano di norma carenze di proteine! A proposito, mentre sarete tutti al corrente circa le proprietà nutritive di frutta secca e semi, conoscete invece le virtù dell'avocado? io ne sono a parte da poco, e un guacamole non me lo faccio mai mancare almeno una volta a settimana, sebbene confesso lo faccia più per gola che per salutismo...

Per tutto quanto sopra detto, stamattina non potevo non sorridere alla lettura di un nuovo articolo di Robert Cohen che si intitola - guarda caso - Death by Protein.

Il mio amico d'oltreoceano è sempre puntuale nel giustificare le sue convinzioni con studi medici ben documentati e io mi pascio del tradurre sovente i suoi scritti, a beneficio di chi non lo conosce ancora o di chi non se la cava bene con la lingua inglese. Ecco dunque ciò che ci racconta Robert, alias Mr. NoMilk:

L'ossessione americana per le proteine iniziò quando genitori ignari stigmatizzavano continuamente nel cervello dei loro bambini  il mito delle proteine con commenti - ora sappiamo, idioti - tipo: Finisci il fegato che hai nel piatto! Ci sono bambini che stanno morendo di fame in Africa! [..] Poi si va a scuola, e gli insegnanti non fanno che rafforzare quel  mito​​, mostrando foto reali di bambini reali in situazioni di guerra in nazioni africane, che non hanno  cibo da mangiare, e così i bambini "benestanti" tornano a casa per finire ogni boccone di fegato, milza, pancreas, e tutta  la carne nei loro piatti. Proteine, proteine, proteine. Un bambino in crescita non sente altro. Le proteine sono una cosa buona. Devi mangiare tante proteine per crescere [N.di A. E per proteine si intende sempre "proteine animali", naturalmente]. Mangiare carne, bere tanto latte. E l'ossessione si espanse in tutti i paesi occidentali...




Questi bambini, una volta adulti, vanno poi all'università o entrano nel mondo lavorativo o nell'esercito, dove ne sentiranno altre di sciocchezze sulle proteine, e poi insegneranno ai propri figli ciò che hanno appreso da piccoli e anche da adulti, generazione dopo generazione di bambini che ora si ritrovano con malattie cardiache e obesità già a 7-8 anni.
Se visitate un qualsiasi ospedale americano [N.d.A. Ma anche italiano, aggiungo io...] e chiedete:
"Quanti pazienti sono ricoverati qui a causa di una deficienza di proteine?" la risposta sarà "Zero". Gli ospedali sono zeppi di persone che hanno mangiato troppe proteine attraverso la loro dieta. E' praticamente impossibile vivere nel mondo occidentale e non soddisfare il proprio bisogno di proteine.


Un americano ingerisce mediamente il 175% in più delle proteine raccomandate giornalmente. Una donna il 144%. (Surgeon General's Report on Nutrition and Health, 1988)


L'osteoporosi è causata da una serie di problemi, uno dei più cruciali è la sovrabbondanza di proteine animali (Science 1986; 233 (4763))


Paesi con il più alto tasso di osteoporosi come USA, Regno Unito e Svezia sono i maggiori consumatori di latticini. Cina e Giappone, la cui alimentazione  tradizionalmente non li contempla, hanno il minor tasso di incidenza di questa patologia (Nutrition Action Healthletter, June 1993) 


Aumentare l'introito di proteine nella propria dieta del 100% può causare una perdita doppia di calcio (Journal of Nutrition, 1981, 111-3)


---------------------------------------------------------------


E non vi riporto tutti gli altri stralci di riviste scientifiche portate a supporto delle tesi, ma solo per non annoiarvi. Dunque, la prossima volta che vedrete volti preoccupati al vostro cospetto e vi verrà rivolta la fatidica domanda con toni angosciati: Ma dove le prendi le proteine (sempre intendendo per il generico "proteine"  le proteine "migliori", ovvero quelle animali)? potreste anche  rispondere  con un'altra domanda: Ma tu, sei sicuro di non prenderne troppe?


libera traduzione da: http://www.notmilk.com

7 commenti:

AMEXIS ha detto...

Un post eccellente! Grazie Ariel!!!

VeganBiker ha detto...

Io però non capisco perché si demonizzino le proteine, le accuse alla dieta occidentale devono rivolgersi altrove, non sono le proteine il problema, ma altro (grassi saturi, ormoni etc), spesso trovo proprio tra i vegani grandi accuse alle proteine, mentre ci dimentichiamo che le proteine sono la base di ogni alimentazione, a cui devono seuire grassi di alta qualità, vitamine e minarali, e solo alla fine zuccheri, che invece servono davvero a poco, e che spesso si possono essere incredibilmente dannosi (gli zuccheri sono ad esempio alla base della crescita di moltissimi tumori).

I crudisti se mangiano bene, mangiano moltissime proteine, perché mangiano semi, e i semi sono ricchissimi in proteine, l'approccio che vede le proteine come il male contemporaneo è semplicemente sbagliato, perché se è vero che difficilmente ci si fa ricoverare per una carenza proteica è anche vero che le proteine regolano quasi tutti i processi del nostro corpo e che un giusto apporto ci permette una vita sana e un veloce recupero di fronte a dei problemi.

madfatdaddy ha detto...

Per uno che sta muovendo i primi passi nel mondo veg (e che quindi si stà prendendo i primi anatemi al grido di "Non mangi carne? Non bevi latte? Aaaargh!!!!") tutto ciò è di sostegno e conforto!
Grazie! ;-)

Ariel ha detto...

Biker, intanto ben trovato, ciao!
però qui non sono demonizzate le proteine in sè, quanto le proteine animali, indubbiamente accompagnate da grassi, zuccheri, etc. in abbondanza e totalmente inutili

mentre di proteine vegetali è difficile morirne, non sono acidificanti se non in rari casi (v. seitan ad esempio e per questo consigliato massimo due volte a settimana) con tutto quello che questo comporta...

annaelaneve2 ha detto...

Davvero un bel post Ariel! Quelle immagini di pubblicità anni '50 fanno rabbrividire, ma anche quelle che ci propinano attualmente non sono da meno(soprattutto omogeneizzati e prodotti per bambini). Che prodotti ovo-caseari e carne facciano malissimo è così evidente, ma notoriamente quello che si ha davanti al naso è anche la cosa più difficile da vedere!

Fra ha detto...

In effetti rispetto ai cereali è meglio usare i legumi. Un indicatore del fatto che sono meglio per l'alimentazione umana è che necessitano di meno condimento di sale per essere saporiti.

Davide Di Marco ha detto...

Complimenti per il post!! Le immagini anni 50 sono raccapriccianti! Posso sapere il titolo del libro?? Mi piacerebbe leggerlo!! :)